La guida classica è viva!

Auto Motor Klassiek » motori » La guida classica è viva!
Ci sono classici che acquistano (copia)

Fortunatamente, l'idea che l'amore per i classici finisca con i "giovani" si è rivelata un'idea apocalittica da parte di persone che trovavano tutte le motociclette successive al 1970 fastidiosamente moderne. Come vecchio soddisfatto, vedo giovani sulla trentina che hanno trovato divertimento nei classici fin dalla loro giovinezza. Perché nel frattempo anche una Yamaha FJ1200, una BMW K75 o una Suzuki raffreddata ad olio/aria sono un classico, sebbene nella nostra mentalità collettiva datata fossero ancora nuove dal concessionario "ieri". Ma una Honda 900 Bol d'Or o una Suzuki GS? Queste macchine potrebbero facilmente avere 40 anni adesso. E non si diceva forse: “La vita comincia a 40 anni?”

Classici perfetti? Beh, sono perfetti. E costoso. Nell'angolo meno perfetto, con le motociclette in cui l'equilibrio tra "vecchio" e "classico" si è appena spostato a favore del classico, il prezzo è spesso piacevole, ma sono prevedibili costi di acquisto aggiuntivi. Perché diciamocelo: se è da un po' che pensi di sbarazzarti della tua moto, allora non è scontato investire nuovamente molto nella manutenzione.

Ecco perché quando acquisti qualcosa di carino, è bene iniziare con l'importo massimo che vuoi spendere. E aggrapparsi ad esso come un politico alle sue bugie. Quando stabilisci il prezzo, prendi in considerazione i costi aggiuntivi. E possono continuare a ticchettare. Se qui si adotta un (potenziale) classico con un budget gestibile, abbiamo un elenco (di prezzi) di cose che devono essere prese seriamente in considerazione (oltre a cose come la sostituzione dell'olio, compreso l'olio della forcella anteriore):

  • In che misura il motore è ancora originale/non crittografato?
  • Le gomme sono ancora buone/non scadute?
  • I tubi dei freni sono ancora in buone condizioni e non hanno più di 5 anni?
  • La batteria non è ancora vecchia?
  • È necessario sostituire il filtro dell'aria?
  • Quali sono le condizioni della catena e dei pignoni?
  • Sono presenti sfilacciature nei punti di articolazione delle leve dei cavi del freno, dell'acceleratore e della frizione?
  • C'è gioco nella forcella anteriore e nel cuscinetto della forcella posteriore?

Facoltativo per i puristi è se la vernice è in buone condizioni e nei colori giusti. Controlla anche se a bordo sono presenti teste dei bulloni arrotondate o viti Phillips danneggiate. Perché ci sono ancora intere tribù di felici armeggiatori che non sanno che le teste a croce giapponesi sono conformi allo standard industriale giapponese (JIS). Possono essere allentati o serrati senza danni solo utilizzando una chiave con la traversa corretta. Il rigonfiamento della guarnizione liquida tra le cuciture è, secondo i nostri gusti, qualcosa che ha a che fare con la roulette russa.

Ovviamente per cambiare l'olio avrai bisogno di un filtro dell'olio, ma questo non ti costerà nulla. Queste sono tutte cose che puoi fare facilmente da solo, a patto di non avere due mani sinistre e dieci pollici. Dipende da che tipo di bici ti sei aggiudicato, ma per comodità conta su una cifra aggiuntiva di 500-1.000 euro oltre al prezzo di acquisto. Ma dopo sei il maschio M/F o waddannook.

Considerando il chilometraggio medio che percorrono oggi i motociclisti (qualcosa come 3000 km/anno, prima lo facevamo in tre mesi), anche con le nostre classiche dobbiamo cambiare l'olio solo una volta all'anno, e solo perché è così conveniente una bella sensazione. Quel nuovo set di pneumatici potrebbe facilmente durare dalle quattro alle cinque stagioni.

Anche il fatto che la regolazione delle valvole sui motori DOHC non sia per tutti non è un problema. Il controllo del gioco delle valvole non richiede talento tecnico o strumenti miracolosi. E se l'autorizzazione è buona, non è necessario dichiarare nulla. Inoltre, un produttore di motori locale non si sorprenderà se portate lì la vostra moto e chiedete se i carburatori possono essere sincronizzati e se è necessario regolare il gioco delle valvole solo di poche valvole.

Per quanto riguarda l'automotivazione, la nuova generazione di appassionati di auto d'epoca non dipende più da una rete di persone con esperienza per risolvere i problemi. Perché è per questo che il mondo ci ha regalato YouTube. Su di esso troverai tutte le possibili riparazioni su tutti i possibili motori raffigurati e spiegati nei video. Con lo schermo tra i tuoi strumenti, puoi affrontare e risolvere oltre il 90% di tutti i problemi. Molto semplice: puoi fermare o riavvolgere l'immagine.

La cosa bella di questi classici per la prossima generazione è che offrono gli stessi vantaggi di quando "noi" avevamo più o meno quell'età e compravamo una Kawa 800 tripla per 750 fiorini o un Black Bomber per mille fiorini. Per superbike come una Suzuki 1000 cc o una Yamaha FJ 1100, o 1200 o una Kawa GTS 1000? Da lì pensi a questo tipo di importi in euro. E con una Yamaha XJ900 o una Diversion 600? Pensi a questo tipo di importi in euro. E puoi avanzare richieste in merito. Una tale Diversion da 600 cc è altamente pratica, estremamente versatile e quando hai chiesto a Goos Bos, quando era ancora a capo di Motoport Hengelo, quali sono i punti di interesse e la manutenzione di un motore a quattro cilindri così elegante? La sua risposta amichevole fu: "Nessuno". Eh sì: c'era una piccola perdita in corrispondenza di una curva di scarico. È stato riparato con una lattina di Diet Coke, un po' di GunGum e due fascette stringitubo. Superiore!

Tutto sommato, le urla del buio sui prezzi classici non sono poi così male. I modelli di punta di oggi costano più di trentamila dollari. Per questo puoi acquistare alcuni (pochi) classici molto carini. E che i toppers davvero rari sono inaccessibili? Erano così quando erano nuovi. Una MV Agusta 750 America può ora avere un prezzo richiesto di 1975 euro. Ma nel 23.500 l'importo lordo medio annuo era di 2023 fiorini. Per anno. Compreso il pagamento delle ferie. Nel 41.500 erano XNUMX euro all’anno. Allora possiamo continuare a sognare, ma non perdiamoci più il sonno.

Perché per meno di 1000 euro ora puoi avere una Kawa GTR 1000 in ordine. E puoi ottenere una Yamaha GTS 1000 così rivoluzionaria per meno di tremila dollari. E se dicessi che è molto meno classica di una di quelle bellissime Bonneville della fine degli anni Sessanta? Allora hai ragione. A modo tuo. Ma nel concetto? Quindi la Yamaha con trasmissione al mozzo è un vero classico molto più rivoluzionario.

In conclusione, non ha alcuna importanza. Se acquisti la bici che ti fa aumentare la frequenza cardiaca, la moto che ritieni sia fantastica? Allora questo è il tuo classico. E che una GTS 1000 potrebbe presto valere molti più soldi? Non è una questione di soldi "più tardi". Riguarda il piacere dell'"ORA!".

REGISTRATI GRATUITAMENTE E TI INVIEREMO OGNI GIORNO LA NOSTRA NEWSLETTER CON LE ULTIME STORIE DI AUTO E MOTO D'EPOCA

Seleziona altre newsletter se necessario

Non ti invieremo spam! Leggi la nostra politica sulla privacy per maggiori informazioni.

La guida classica è viva!
I ganci sono solo per la foto...
La guida classica è viva!
“100% esente da manutenzione”
La guida classica è viva!
Il rilassante assoluto
La guida classica è viva!
Scambiamo lì per 4000 e
La guida classica è viva!
Con un'anziana Transalp fino a Capo Nord. "Way 2 Go Rens!"
La guida classica è viva!
Il miglior motore a quattro cilindri raffreddato ad aria per piccoli spiccioli
La guida classica è viva!
Una Suzuki GS 100 café racer, a 300 euro.
Se ti è piaciuto l'articolo condividilo...

10 commenti

  1. Al giorno d'oggi si va in posti lontani con la moto sul rimorchio dietro il camper, ma mi fa piacere che non si debba semplicemente generalizzare. Oppure sono le eccezioni che confermano la regola?

  2. Quando scadono gli pneumatici? Lo scorso inverno ho comprato un'auto che è stata guidata l'ultima volta nel 1999, quindi i pneumatici hanno almeno 25 anni! Ora l'ho portato qui alla revisione automobilistica (belga), revisione automobilistica nel gergo. Ma quelle persone non sono lì per "approvare" un'auto (non ci guadagnano niente) ma piuttosto per "rifiutare" un'auto. Cinque di loro mi hanno controllato le gomme con botti e torce... Ho avuto paura, 4 Muretti Bianchi costano. Ma hanno omologato l'auto…. Apparentemente le gomme erano ancora buone, entro tutti gli standard.

    La guida classica è viva!

  3. Quella 600 Diversion "100% esente da manutenzione" è un'affermazione un po' audace, ma capisco l'approccio. Motori a tutto tondo molto, molto buoni, super affidabili e tutto questo al giorno d'oggi per un prezzo da schifo. Ma purtroppo (per me) era dotata di catena posteriore quindi, dopo la XJ900, è diventata la NTV650 con la quale ho già percorso 15K senza nemmeno dover usare la bomboletta spray...

  4. Anche se noi motociclisti maturi pensiamo che ai giovani interessino solo motociclette simili a insetti e razzi di riso, ci sono molte persone che sbavano su un "vecchio cadavere" che perde olio e geme.
    Che amano baciare amorevolmente una vecchia creatura dimenticata da anni passati in vita, sporcandosi le mani e sbucciando le nocche nel processo... proprio come facevamo noi e talvolta facciamo ancora.
    C'è speranza all'orizzonte classico...
    Qualche settimana fa ho acquistato una Honda 450 Nighthawk (ben mantenuta!) per pochi dollari, ma potrebbe essere necessario cambiare la gomma posteriore nel tempo.
    Bella strimpellata per soldi ridicolmente bassi, cosa si può volere di più?

  5. La vita infatti inizia intorno ai quarant'anni. E quando parliamo del tipo di motociclista che guida quel genere di motociclette come discusso in questa rivista, quei motociclisti di solito hanno otto dita, due pollici e quelle mani sono spesso del tipo "doppia destra". Possono fare molto! E questo riduce incredibilmente i costi di manutenzione. L'elenco che menzioni come punti di interesse è molto riconoscibile, direi. Una due ruote un po' più giovane ma già un po' stanca, la mia R1150R, al momento dell'acquisto aveva un coperchio del filtro dell'aria allentato, un filtro dell'aria completamente sporco e schiacciato che aveva 11 anni e molto chiaramente anche il primo set di candele! La cinghia dell'alternatore era originale di fabbrica e aveva 19 anni. Nella trasmissione finale erano rimasti solo 70 cc di olio per ingranaggi fortemente contaminato rispetto all'originale 250 cc trasparente. Nel giro di tre settimane non si avviava più perché anche il filtro del carburante era quello originale di fabbrica, ed era così sporco che non poteva passare abbastanza succo d'accisa, facendo sì che la pompa del carburante spingesse radicalmente il tubo fuori dal filtro. I freni anteriori hanno reagito in modo rigido e strano. Per indagare su questo, mentre era parcheggiato nel garage, il freno è stato azionato un po' più energicamente senza far valere il primo posto in campionato per l'uomo più forte. Il tubo si spezzò bruscamente e allegramente sulla testa dello sterzo e spruzzò generosamente il liquido dei freni. Brillante splendente!!!…. Che fortuna che questo non sia successo sulla strada. Il tubo è stato sostituito da un'eccellente versione della 'Stahlflex'. Evidentemente il venditore non aveva investito nella manutenzione, ma ciò si rifletteva anche nel prezzo incluso. Quel che è giusto è giusto. Ho eseguito personalmente la manutenzione con molto amore e dedizione. Valvole regolate, valvole a farfalla sincronizzate con il tubo a U dell'acqua, freni curati e tutto l'assetto. Non ho più riconosciuto il 1150, funzionava e funziona magnificamente dopo la manutenzione. Quindi non era stato manomesso e quindi non criptato. Quest'ultimo è stato in realtà molto piacevole. E attraverso quel lavoro amorevole è cresciuto il rapporto con il mio amore a due ruote. Anche questo è un aspetto importante del motociclismo classico, almeno per me. Ho qualche dubbio che anche gli "acquirenti" con la loro piattaforma a due ruote per il loro smartphone e il loro abbigliamento motociclistico originale abbiano quella meravigliosa sensazione. Un po' triste per loro però.

  6. Noi, io e il mio amico, siamo andati in Croazia vv con la nostra XS750 Triple Yamaha. Ognuno di noi aveva in tasca una brochure con il "concetto di telaio laterale" FJ1100 appena rilasciato. Ad ogni fermata (caffè) sbavavamo, fissando il FJ bianco e rosso nella brochure. Un po' anche perché abbiamo avuto qualche problema con le nostre triple...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Dimensione massima del file da caricare: 8 MB. Puoi caricare: Afbeelding. I link a YouTube, Facebook, Twitter e ad altri servizi inseriti nel testo del commento verranno automaticamente incorporati. Rilascia i file qui