Pubblicità e storia

Auto Motor Klassiek » motori » Pubblicità e storia
Ci sono classici che acquistano (copia)

Nei commenti che fai su questo sito web – che, tra l’altro, vuole invogliarti Abbonato lassico Auto MotorK esserlo, sei il benvenuto. E non è costoso – c'è stata una risposta su una "Pubblicità di allora". Una pubblicità su Sanglas.

Il fenomenale Motim commercializzò Sanglas come segue: “Le anatre volano in stormi. L’Aquila vola sola.” Vedo uno stormo di anatre radunarsi all'ora della mungitura... AlfaIn realtà, vedo più aquile "b" che aquile in questi giorni. È triste.

La risposta arrivò più o meno nello stesso momento in cui un pacco DHL in cui il figlio di un lettore trasferitosi consegnò alcuni volumi della famosa rivista (settimanale) Motor. Quella rivista all’epoca costava 65 centesimi.

All'epoca anche le motociclette importate dall'Unione Sovietica venivano pubblicizzate a gran voce con testi che ora ascolti più tardi la sera dal tuo zio maggiore alticcio. Grazie a Motorhuis Vink, credo.

Ma il 13 agosto 1971 il mondo della pubblicità era ancora infantilmente innocente. L'importazione di Raymakers ne ha dedicato un'intera pagina nel Weekblad Motor, 58° volume, n. 33.

Leggi e rabbrividisci:

Questo è possibile solo su una moto...
Bella serata estiva. Divertitevi a correre su stretti sentieri boschivi con la potentissima Laverda (!). Quella macchina ti porta nei posti più belli, con facilità. Niente è troppo per lui. Scava nei solchi, nei buchi e nella brughiera come se niente fosse!

La foto mette fine a ogni dubbio!

Pubblicità e storia

Quindi stiamo parlando di una grande macchina da 750 cc. E troviamo quello spessore nel Motore numero 32 di una settimana prima. Riportiamo l'editoriale del sig. Danno:

Fare o non fare?
Il motore pesante è tornato di moda”. Di conseguenza, ora sorge regolarmente la domanda: "Come nuovo motociclista, puoi saltare subito su una macchina da 500 cc o è più saggio partire leggero?" E anche nel 1971 gli esperti non erano d’accordo.

- secondo il modello polder 1.0 - non vengono fatte affermazioni dure. Ma partire leggeri non fa male. Per la persona giusta, anche iniziare in modo pesante non può far male.

L'editoriale termina con: Siamo convinti che su questo argomento non sia stata scritta l'ultima parola. Cosa ne pensano i lettori? Ora sono cavalieri esperti, ma una volta erano loro stessi dei principianti.

Nel frattempo, se riesci a ottenere il finanziamento, puoi acquistare una macchina da 200+ CV il giorno dopo aver ottenuto la "A" completa. Ma non è questo il gruppo target. Un motociclista molto giovane M/F è attualmente protetto da se stesso e da tutti gli ormoni freschi perché a lui/lei (forse "esso" o "loro" perché vogliamo essere neutrali rispetto al genere e corretti con rispetto) è consentito iniziare un 125 cc dove ciclisti di fat bike di 11 anni realizzano video mentre girano in tondo attorno ad essa.

REGISTRATI GRATUITAMENTE E TI INVIEREMO OGNI GIORNO LA NOSTRA NEWSLETTER CON LE ULTIME STORIE DI AUTO E MOTO D'EPOCA

Seleziona altre newsletter se necessario

Non ti invieremo spam! Leggi la nostra politica sulla privacy per maggiori informazioni.

Pubblicità e storia
Inizia leggero o...
Pubblicità e storia
iniziato con difficoltà?


Se ti è piaciuto l'articolo condividilo...

7 commenti

  1. Ebbene, all'età di 15 anni la mia prima moto è stata una Norton 16H. Dopo aver preso la patente su una 125cc CZ, è diventata subito una “grande” BSA A7, almeno 30 cv! Dopo 50 anni guido ancora su varie BSA (oltre ad alcune giapponesi per quando le ginocchia hanno bisogno di riposo), ma posso guidare qualsiasi supersport nell'Eifel o nelle Ardenne. Il potere non è tutto. L'arte di leggere la strada e la curva è tutto.

  2. Io stesso, con un certificato teorico in tasca, sono salito su uno scooter Honda 125cc a due tempi. Quando ho preso la patente, qualche mese dopo mi è stato permesso di fare uno stage presso un'azienda motociclistica ad Amsterdam.
    60 km solo andata. La Honda Spacy non ha corso più veloce di 90 in autostrada. Quindi sono stato prontamente scambiato dal mio capo del tirocinio con una Honda CB250twin, che correva a 120 con vento in poppa e sole alle spalle. Quindi doveva andare a tutto gas ogni giorno. Il che a sua volta comportava un rifornimento ogni 1,5 giorni, perché in tal caso il succo sarebbe completamente esaurito. 1:15 a causa di una manutenzione scaduta (ho avuto manutenzione durante la permuta. Quando l'ho comprato 4 anni dopo, senza olio fresco) e a tutto gas ogni giorno, il motore si è stancato e ci ho messo sotto un bicilindrico 400. Top a circa 170 e consumi verso 1:20.
    Non mi ha fatto peggiorare niente.
    Successivamente non ho avuto una moto per circa 12 anni e nel 2002 sono tornato a una Suzuki Bandit 600. Ora, diversi anni e moto dopo, guido una BMW R1200RT con 125 CV e Nm.
    Se l'avessi avuto subito, non so se sarebbe andata bene.

  3. Dopo tanti ciclomotori, ho iniziato a guidare le moto su una Suzuki GT500. Non molta potenza, ma piuttosto aggressiva con il gas. All'inizio pensavo che la quantità di potenza fosse più che sufficiente. Sottoscrivo quindi il consiglio di iniziare con una macchina non troppo pesante!
    Dopo la GT500 sono passato ad una Honda CB750KZ e poi ad una FJ1200.

  4. Ho iniziato con una BMW R45N super buona. Sì, con quella "N" consapevole di "Nichts". Nessuna potenza, né trazione. Con 27 cavalli deboli, il pugile amabilmente dolce aveva già il sudore sulla fronte alla vista di una borsa della spesa che non era nemmeno piena per metà. E quando dovevo frenare, avrei sudato sulla fronte sapendo quanto letargicamente quella cosa frenava. A poco a poco, tuttavia, è sorto il desiderio di maggiore potenza e "Blauwtje" è stato sottoposto a un trattamento anabolizzante con il relativo trattamento dei freni. Il trattamento steroideo è stato distribuito nel corso degli anni. Il trattamento dei freni è stato subito un fatto compiuto. La potenza è più che raddoppiata e le caratteristiche di guida e di frenata sono state notevolmente migliorate affrontando anche il reparto molle e ammortizzatori con ottimi risultati. Ma tutto ciò è accaduto in poche parole nel corso di diversi anni. In questo modo ho potuto abituarmi a più potenza e velocità "uno per uno". Un modo sicuro per sviluppare abilità di guida in moto. L'R45 N era originariamente un ottimo motore con cui iniziare e posso consigliarlo con tutto il cuore a tutti. Anche perché lo sviluppo costante di Blauwtje ha significato una soddisfazione hobbistica duratura e questo non è irrilevante!

    Pubblicità e storia

  5. Ho iniziato io stesso con un CB350F abbastanza buono; ho corso anche 160, ma ho avuto bisogno di uno sprint di 10 minuti, per così dire...
    Dramma quando stavi semplicemente accelerando e hai dovuto rallentare di nuovo per lo zio Henk che ha superato un camion con una differenza di 5 km/h.
    Quindi, anche se era consentito "pesante immediatamente", il consiglio era di iniziare con leggerezza (ehm).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Dimensione massima del file da caricare: 8 MB. Puoi caricare: Afbeelding. I link a YouTube, Facebook, Twitter e ad altri servizi inseriti nel testo del commento verranno automaticamente incorporati. Rilascia i file qui